fbpx

La pensione… Senza Sforzi? Tre soluzioni.

 

LA PENSIONE…SENZA SFORZI? TRE SOLUZIONI.

Ogni promessa è debito. E i chiodi non piacciono a nessuno.

Quindi vediamo subito le soluzioni a tre errori che facciamo quando pensiamo alla nostra pensione.

  1. Non ho soldi da destinare alla costruzione della mia pensione integrativa.

Comprensibile, in questo momento storico poi, nel quale l’incertezza la fa da padrona.

Ma proviamo a fare un ragionamento insieme. Se la busta arancione ti dicesse che sarai in pensione tra 20 anni, quale sarebbe il capitale che potresti costruire mettendo da parte 50,00 euro alla settimana?

50,00 euro x 52 (settimane) x 20 anni = 52.000,00 euro

Investendo, e non spendendo dunque, 50,00 euro settimanali.

A questo punto chiediamoci cosa possiamo comprare di utile e concreto con 50,00 euro.

Ecco qua:

I gusti sono gusti e questo è pacifico, ma possiamo concordare che di concreto, veramente concreto, acquistiamo ben poco.

Quindi viva 50,00 euro settimanali per una giusta causa: evitare di vivere da poveri durante la vecchiaia!

  1. È inutile destinare soldi alla mia pensione integrativa, visto che lavorerò fino a 70 anni.

Non necessariamente questa è una credenza sbagliata.

Però sai cosa mi ha detto un mio cliente qualche giorno fa, che ha ricevuto la busta arancione questa primavera?

“Vale, ho scoperto che potrò smettere di lavorare a 72 anni e la mia pensione sarà di 4.200,00 euro.”

Caspita, una signora pensione ho pensato.

“Anch’io ho fatto la tua stessa faccia esterrefatta quando ho visto questa cifra, ma poi ho continuato a leggere…E ho scoperto che i 4.200 euro di domani avranno il potere di acquisto degli 800 euro di oggi. Bella fregatura!”

Beh, qui cambia tutto e la riflessione è d’obbligo.

Perché se ci pensi basta un click per sapere come poter risolvere la situazione. Basta richiedere la busta arancione e quantificare quale sarà il tuo gap previdenziale.

In questo modo avrai chiaro il capitale che dovrai costruire per non avere brutte sorprese in futuro, per mantenere non solo il tuo tenore di vita, ma costruirlo veramente, il tuo futuro economico.

 

  1. Non ha senso pensarci fin da subito, tanto la mia pensione sarà pari all’80% del mio ultimo stipendio.

Guarda questo grafico:

Mostra il rapporto tra pensione ed ultimo stipendio.

Chi è andato in pensione nel 2005 e guadagnava uno stipendio di 2000 euro, ha ricevuto una pensione di 1600 euro. Ma questo è passato.

Perché tra vent’anni, nel 2040, chi ha lo stesso stipendio di 2000 euro, avrà una pensione di 1096 euro, praticamente la metà. Dunque il rapporto tra pensione e ultimo stipendio sarà pari al 54,8%, non all’80%.

Un gran bel problema.

E allora le scelte che puoi fare a questo punto sono due: rimandare o agire subito.

Se come i Black Eyed Peas anche tu pensi “Non vivo al rallentatore, vivo la mia vita in turbo” (I do not live in slow mo, I live my life in turbo), vai alla pagina: www.pensionesenzasforzi.com

Ti racconterò tre validi motivi per pensare fin da oggi alla tua pensione e potrai anche scaricare il manuale “Quando la busta è arancione. Scopri come sarà la tua pensione”, per conoscere il tuo gap previdenziale, esattamente come ha fatto il mio cliente.

Ti aspetto sulla pagina www.pensionesenzasforzi.com

Valentina Cartei

La consulente finanziaria ad alto tasso ritmico.

Stai investendo bene i tuoi risparmi?

Scopri le 8 regole per investire al meglio