fbpx

Super Mario

mario draghi Christine Lagarde

Mario Draghi è un grande uomo e un grande italiano, che ha il merito indiscusso di aver salvato l’Euro; a lui va tutta la mia più sincera stima.

Lunedì 28 Ottobre 2019 il buon Mario ha passato il testimone a Christine Lagarde, che dal 1 novembre è la numero uno dell’Eurotower.

È doveroso per me ripercorrere le grandi gesta di Mario Draghi, la cui leadership è stata definita dalla stessa Merkel: “cruciale per la stabilità dell’Eurozona”.

Succeduto al francese Jean-Claude Trichet nel 2011, la sua presidenza sarà ricordata soprattutto per il discorso del luglio 2012, grazie al quale i mercati, in piena turbolenza, gli attribuirono il titolo di SUPER MARIO. Draghi è stato l’autore di una serie di misure non convenzionali di politica monetaria che sono state in grado di portare la comunità europea al di là di una crisi senza precedenti che minacciava il progetto di moneta unica e quello stesso dell’unione.

Il suo mandato non si prospettava semplice all’epoca, con la Grecia sull’orlo del tracollo e Portogallo, Spagna, Irlanda e la stessa Italia, casa nostra, che sembravano seguirla; il problema è ben raffigurato nel grafico sotto riportato, relativo all’andamento dello spread btp-bund di quel periodo.

Per approfondimenti sullo spread ti consiglio di cliccare sul seguente link:

https://www.linkedin.com/pulse/spreadlo-sconosciuto-divenuto-famoso-valentina-cartei/

spread

Draghi dichiarò guerra alla speculazione e disse:” La BCE sarà pronta a fare tutto ciò che è necessario per preservare l’Euro. E credetemi, sarà abbastanza”.

Le sue due frasi che hanno fatto storia:

“WHATEVER IT TAKES” (Tutto ciò che sarà necessario)

“IT WILL BE ENOUGH”  (Sarà abbastanza)

Solo un pazzo od un uomo profondamente convinto delle proprie ragioni sa esprimersi con questa sicurezza e trasmetterne altrettanta.

Mario Draghi è stato la storia dell’unione europea che viviamo oggi, come l’ha definito lo stesso Macron: “Degno erede dei padri fondatori d’Europa”.

È lui l’artefice del Qe (Quantitative easing), del continuo taglio dei tassi e del Bazooka, strumento annunciato ma nella realtà mai messo in pratica.

Ciò che più mi ha colpito di Mario Draghi è il suo stile: composto, sicuro, saggio, determinato, autorevole, mai sopra le righe, un economista e un uomo profondamente consapevole non solo di quanto stava accadendo, ma anche delle manovre che erano necessarie.

Caro Super Mario, saperti al comando mi ha aiutato ad affrontare le turbolenze sui mercati degli ultimi anni, riflesso della crisi Subprime, la più pesante che abbiamo vissuto di recente.

draghi e valentina cartei vignetta

Compito del Consulente Finanziario è quello di stare maggiormente vicino ai propri clienti proprio quando il panico attanaglia il mercato e saperti il numero uno dell’Eurotower mi ha dato sicurezza! Ero consapevole che l’Europa era guidata da qualcuno disposto a fare tutto il necessario pur di non farla implodere.

Quindi Mario mi unisco a quanto detto dal presidente Mattarella in occasione del passaggio di consegne a Christine Lgarde: GRAZIE! GRAZIE! GRAZIE!

Sono sicura che sentirò la tua mancanza.

Il ritmo di intervento di Mario Draghi è stato fondamentale, ha fatto la differenza tra l’avverarsi di uno scenario piuttosto che un altro.

E’ sempre una questione di ritmo: ritmo di pensiero, ritmo di intervento, ritmo di reazione.

Stai investendo bene i tuoi risparmi?

Scopri le 8 regole per investire al meglio